martedì 27 giugno 2017

Il mio gelato alla crème brulée per il Club del 27


Come ogni mese si ci ritrova a cucinare insieme tra amici nella grande cucina del Club del 27
Un consiglio, un suggerimento, una dritta, la condivisione di un insuccesso o di un una prelibatezza spettacolare, che poi in definitiva potrebbero anche coincidere, mica è detto :-) ci porta tutti ad imparare e a migliorare …
Questo mese il tema è il gelato proprio quello della sfida MTC # 22.
La stagione estiva incombe mai ricetta poteva essere più appropriata.
Infatti qui a casa mia è caduta come il cacio sui maccheroni permettendoci di rispolverare una vecchia gelatiera anni '90, mai usata, il che è tutto dire :-) intorno alla quale giravano da un po' mio mio marito e i miei figli. Anzi in verità usata due volte da mio marito, per preparare con rigore ingegneristico, secondo le indicazioni del manuale delle istruzioni, una specie di ghiacciolo granuloso assaggiato nell'entusiasmo generale e poi dimenticato nel freezer.
E così ho imparato anche a fare il gelato con la ricetta della Mapi e nella versione di Terry.
Il problema è che stato troppo caldo, il gelato quando è caldo fa bene ma si scioglie e non si riesce a fotografare.
Nella calura ci siamo aiutate, sostenute, condividendo le nostre scioglievoli delizie.
E anche questo mese ci siamo, un tantinello fluide, ma siamo qui!
Premetto che di solito faccio centinaia di foto, quasi tutte uguali, che volete fare, sto imparando :-)
Questa volta gioco forza buona la prima e unica :-)
Con la tessera n° 37 anche questo mese partecipo al Club del 27.

 Proud to be a member
300 ml latte
200 g zucchero semolato
250 ml panna fresca
45-50 g tuorli (da 3 uova grandi)
1 chicco di caffè
1 pezzo di stecca di cannella


Per il crunch di caramello:
1 noce di burro
85 g di zucchero (io di canna)
21 g di acqua
Mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio

Per il gelato:
Mettere in un pentolino il latte, il chicco di caffè, la cannella e a metà dello zucchero. Mescolare per sciogliere lo zucchero, poi mettere sul fuoco e portare fin quasi a ebollizione. Togliere la pentola dal fuoco, coprire e lasciare in infusione per almeno 15 minuti.
Nel frattempo montare i tuorli con il restante zucchero finché il composto “scrive”.
Riportare il latte quasi a bollore e versarlo a filo sulle uova montate mescolando continuamente con una frusta. Versare in un polsonetto protetto da frangifiamma e fare addensare la crema inglese fino a quando non velerà il dorso di un cucchiaio e avrà raggiunto la temperatura di 85 °C. Non superare questa temperatura o lo stadio della velatura del cucchiaio, altrimenti la crema si coagula e impazzisce. Toglierla immediatamente dal fuoco e immergere la base della pentola in una ciotola contenente acqua e ghiaccio mescolando continuamente, altrimenti si raffredda solo quella a contatto coi bordi del recipiente, mentre il resto rimane caldo. Se l’acqua si intiepidisce sostituirla con altra acqua fredda e ghiaccio per abbatterne rapidamente la temperatura. Quando la crema sarà fredda trasferirla in un barattolo a chiusura ermetica (lasciandoci ancora dentro il baccello di vaniglia) e far riposare in frigo almeno un’ora, anche tutta la notte: il composto deve essere freddo di frigorifero prima di passare alle fasi successive della lavorazione. Estrarre il chicco di caffè e la cannella unire la panna liquida fredda al composto e amalgamarla benissimo.
Trasferire il composto nella gelatiera, riempiendo la vaschetta per non più di ¾, il gelato mantecando aumenterà di volume.. La miscela va montata per non più di 20 minuti, quando avrà raggiunto la consistenza della panna leggermente montata; non cedete alla tentazione di montarla troppo, perché il gelato si rovina e rischia di diventare simile al burro o, se si sta preparando un sorbetto, di assumere la consistenza della neve pressata.
Se il gelato non deve essere servito immediatamente, trasferirlo subito in un contenitore in polipropilene riempiendolo fino a 6 mm dal bordo, poi coprirlo con un rettangolo di carta forno che deve aderire perfettamente alla sua superficie. Fare indurire il gelato dai 30 ai 60 minuti in freezer e trasferirlo in frigorifero per 20-30 minuti prima di servirlo, perché sia morbido al punto giusto.

24 commenti:

  1. Buona la prima e unica! direi che la filosofia adottata non fa una piega e bisognerebbe attuarla sempre, perché se il gelato si squaglia, anche il cibo si fredda. :-)
    sarò ripetitiva ma questo mese le ricette sono tutte da provare, per me in particolare le creme, che amo alla follia. Sulla frutta sono ancora un po' restia, solitamente mi saziano un paio di cucchiaini. Forse per mantenere la linea dovrei seriamente prenderle in considerazione.
    Datemi del crunch al caramello!

    RispondiElimina
  2. Se avessi avuto tempo, avrei fatto anche questo, perchè m'ispirava tantissimo, e adesso che ho visto il tuo, mi sa che lo faccio comunque

    RispondiElimina
  3. Buona la prima :)
    Un gelato delizioso e irresistibile.
    Mi spiace non essere riuscita a partecipare.
    Buona estate.

    RispondiElimina
  4. Cara Anisja, il tuo gelato è perfetto! Ho assaggiato di recente un gelato alla Creme brulé a Firenze ed è una cosa che mi è rimasta in testa perché la parte croccante era costituita da un croccante di mandorle sottilissimo come cristallo e tritato. Il profumo della mandorla con la crema lo rendeva davvero speciale...il prossimo crunch al caramello, vedrà la presenza di lamelle di mandorle tostate...ti piace l'idea?
    Un bacione carissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, si, ottima idea, bisogna provvedere ....

      Elimina
  5. Dopo aver visto la tua meraviglia mi sono pentita di non averlo provato. Ma rimedierò. QUesto mese le ricette mi sembrano tutte una più bella dell'altro. Mi sa tanto che ho bisogno di comprare la gelatiera! il tuo comunque è divino!

    RispondiElimina
  6. wooow che bella foto e che gelato invitante. bravisisma Anna

    RispondiElimina
  7. wooow che bella foto e che gelato invitante. bravisisma Anna

    RispondiElimina
  8. quel gelato che si sta pian piano sciogliendo è una visione mistica per me. Lo adoro cosi!

    RispondiElimina
  9. grazie per questa ricetta, voglio provarlo

    RispondiElimina
  10. Con quel caramello croccante, giuro che mi piacerebbe anche sciolto! Che squisitezza...

    RispondiElimina
  11. Questo è il gelato che avrei fatto se mio figlio piacesse il caramello. Mi piace molto come lo hai presentato.

    RispondiElimina
  12. Quest'anno non ho ancora messo fuori la gelatiera...mi sono un po' impigrita in questo senso...anche se ti confesso che quella ricca coppetta in foto mi fa venire una voglia...

    RispondiElimina
  13. Buoni i gusti particolari, che escono dai soliti binomi crema-cioccolato o fragole-panna... complimenti!

    L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

    RispondiElimina
  14. Adoro il gelato!!! Complimenti e buona giornata

    RispondiElimina
  15. Ahhhh la crème brulée! Amore a prima vista!!

    RispondiElimina
  16. Buona la prima si! Anche perchè mi sembra proprio buona. Ottimo anche questo. Non avendo poturo partecipare mi sto gustando i vostri.

    RispondiElimina
  17. ero indecisa tra questo e quello all'early grey tea, poi ho scelto il secondo, ma questo rimane nel cuore ... prima dell'estate ci provo! il fatto è che commentando questi favolosi gelati la lista dei to do it si allunga!!! un abbraccio!

    RispondiElimina
  18. Ribadisco il concetto, mi piace mi piace mi piace da matti questo mese. Brava Anna.

    RispondiElimina
  19. Ecco hai centrato il tema: ci siamo consigliate e sostenute nella "scioglievolezza" del gelato. ma questo è proprio il senso del Club del 27. Facciamo gruppo e ci confrontiamo, prendendoci anche un po' in giro che di questi tempi ce ne è bisogno. Grazie Anna.

    RispondiElimina
  20. Ma che meraviglia!!!! Cosa darei per assaggiarlo!

    RispondiElimina
  21. ed ecco questo è uno di quelli che volevo fare, ma poi per paura di non riuscire mi sono arresa, bello proprio il tuo!
    un abbraccio.

    RispondiElimina
  22. penso che lo rifarò. Si, si. Penso che lo rifarò.
    Il crunch è 'la ciliegina sulla torta'!

    RispondiElimina